Mare corto è il libro con cui il giornalista Matteo Tacconi e il fotografo Ignacio Maria Coccia mettono a frutto un lungo viaggio per coste e isole adriatiche, durato dal settembre 2015 all’aprile 2017. Più di diecimila i chilometri percorsi, tra strade costiere e insulari. I porti, le spiagge, i paesaggi, le città di mare. Storie di pescatori e di sale, di naufragi e salvataggi, di fari e cantieri navali. Mitteleuropa e Mediterraneo, ricchezza e povertà, lontananze e vicinanze, Occidente e Balcani. Il retaggio di Venezia e il peso della guerra fredda.

L’Adriatico è uno spazio affascinante, ricco di storia e storie, un crogiolo di popoli e culture, ma stranamente non trova un suo posto tra le grandi cronache sui mari. Viene come considerato un mare minore. Tacconi e Coccia cercano di restituirgli dignità. Due modi di raccontare, quelli del giornalista e del fotografo, si incontrano, rafforzandosi a vicenda, per dar vita a un reportage vecchia maniera.